Differenti vacuità
Filosofia Letteratura Discorsi altri: contaminazioni e tracce ontologiche




Home


ALLAH U AKBAR…Le proteste in IRAN.

Ce ne vuole di coraggio per gridare “Dio è Grande” oggi… ce ne vuole per gridarlo in quei Paesi dove ti si impone la “grammatica concettuale”… ce ne vuole per gridarlo oggi in Iran, sapendo che ciò vorrà dire poter passare il resto dei tuoi giorni in uno stato di “civile confino politico”…
Continua in... Diagnosi dell'attualità




Remo Bodei, Destini personali. L’età della colonizzazione delle coscienze, Feltrinelli, 2002, pagg. 421.

Il tema dell’identità è uno di quelli che “stazionano” alla base delle riflessioni filosofiche odierne, riguardando il tema dei fondamenti, una volta oggetto della disciplina definita “Metafisica”.Oggi che tale disciplina, dopo i fasti della “Scolastica”, sembra essere un residuo da “manuale di Filosofia medievale”, il tema dell’Identità viene analizzato da un variegato insieme di discipline: le scienze cognitive, le neuro-scienze, le bio-Tecnologie, la Filosofia della Mente, solo per citarne qualcuna...
Continua in... Filosofia  Recensioni




M.Foucault, Le courage de la vérité. Le gouvenement de soi et des autres. Cours au Collége de France 1984, Hautes Etudes-Gallimard-Seuil, pp. 268 euro 27.

La pubblicazione dei corsi che Michel Foucault tenne, dal 1971, quasi ogni anno, al College de France, è ben avviata, non soltanto in Francia ma anche in Italia. Da anni si attendeva la trascrizione dell’ultimo corso, quello ultimato da Foucault poco tempo prima di morire, il 25 giugno 1984, dedicato al vasto tema della cura e del governo di sé....
Continua in... Filosofia  Recensioni




Richard Powers, un'intervista a l'autore di "Il fabbricante di eco".

Nel Febbraio del 2002 Mark Schluter, un operaio di ventisette anni, rimane coinvolto in un grave incidente stradale a Kearney, in Nebraska. Quando si risveglia dal coma Mark e' convinto che sua sorella Karin, che da settimane lo assiste in ospedale, sia stata sostituita da una sosia….questo il folgorante inizio del romanzo di Powers che qui l’Autore ci introduce attraverso quanto detto in quest’intervista...
Continua in... Letteratura



M.De Carolis, La vita nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Bollati Boringhieri, Torino 2004, pp.261.

Le tecno scienze sono quell’insieme di saperi che si occupano di indagare l’ente uomo riducendolo alle sue coordinate biologiche. Esse rappresentano il paradigma dominante nel campo degli studi odierni sull’uomo. Le implicazioni di ciò per la ri-definizione del nostro esserci vengono indagate dal lavoro di De Carolis.
Ridurre l’uomo alla sua “essenza” biologica significa abbattere tutti i “classici” steccati che da sempre hanno reso l’uomo un “animale speciale”...
Continua in...Filosofia Recensioni




E.P.Sanders, Gesù.la verità storica, Mondadori, Milano 1995

La conoscenza storiografica della figura di Gesù è stata letteralmente rivoluzionata dalla cosiddetta “terza ricerca”; quest’ultima si è impegnata nel tentativo di contestualizzare Gesù all’interno del mondo ebraico del I° secolo della nostra era. Mi sembra innegabile riconoscere i meriti di un paradigma storico che, “finalmente”, tiene in considerazione il dato ovvio secondo cui Gesù era un Ebreo; atipico quanto si vuole ma pur sempre parte di un contesto culturale, sociale, politico, religioso che non può non aver costituito il suo orizzonte di riferimento...
Continua in... Cristianesimo Recensioni




Che cos’è un filosofo? Un'intervista con M.Foucault
 

Qual è il ruolo del filosofo nella società?
Il filosofo non ha ruolo nella società. Il suo pensiero non può essere collocato in rapporto al movimento attuale del gruppo. Socrate ne è un eccellente esempio: la società ateniese non ha saputo riconoscegli che un ruolo sovversivo, il suo mettere in questione le cose non poteva essere ammesso dall’ordine costituito. In realtà, è dopo un certo numero di anni che si prende coscienza del posto di un filosofo, insomma gli si assegna un ruolo retrospettivamente...
Continua in... Filosofia Interviste




 Sicurezza e democrazie liberali. Un'intervista a Agamben

 Il problema che il liberalismo ha dovuto risolvere per riuscire a “trasformarsi” da ideologia culturale in  sistema  ordinatore della vita sociale riguarda, paradossalmente, proprio la gestione dell’elemento che primariamente lo contraddistingue quale sistema di pensiero, vale a dire la libertà. Infatti una dottrina politica che pone la sua ragion d’essere nella difesa del concetto di libertà, quale fondamento della vita politica, deve poi riuscire a gestire concretamente il processo di liberazione degli uomini, in altre parole deve essere in grado di esercitare il controllo della vita sociale senza apparire oppressivo...
Continua in... Diagnosi dell'attualità



CHARTIER Roger, Letture e lettori nella Francia di antico regime, Einaudi Torino 1988, XVIII-238 pagg., 18,08 euro.
 
La storiografia interessata dalle res gestae,  lo sappiamo, ha da almeno un cinquantennio smesso i panni di genere privilegiato dell’intera pratica storiografica. Chi ancora ritenesse che il succedersi dei re e delle battaglie costituisca l’ossatura portante della “storia” peccherebbe, quantomeno, di ignoranza procedurale (riguardo ai modi e agli oggetti della disciplina)...
Continua in... Cultura altra -Recensioni



N.Chomsky, M.Foucault, Della natura umana. Invariante biologico e potere politico, Derive e Approdi, Roma 2005.

 

Nel 1971, per la prima e unica volta, ad Heindhoven, si incontrarono due degli intellettuali più influenti della seconda fase del XX secolo: Noam Chomsky e Michel Foucault.
L’incontro, svoltosi in occasione di uno speciale televisivo, rappresenta un evento eccezionale perché presenta due opposti, e per certi versi inconciliabili, modi di leggere la realtà sociale, politica e culturale. Da una parte la prospettiva “biologica”, sostenuta da Chomsky, secondo cui l’intera produttività umana -nel senso più ampio del sintagma- sarebbe il risultato di un “invariante biologico” che ci contraddistinguerebbe in quanto specie, quindi, vale a dire, inscritto nei nostri recessi ultimi. Dall’altra parte uno dei maggiori continuatori della “corrente Nietzschiana”, vale a dire di quella tradizione che, appunto, ebbe in F.Niezsche uno dei suoi maggiori e a-sistematici teorizzatori, secondo cui tutte le “griglie” attraverso le quali interpretiamo la realtà non sono altro che il risultato di contingenze storiche (derivanti dalle diverse relazioni di potere, ad es.)...
Continua in...  Filosofia  Recensioni